Flavia Albu

"La ricerca di Flavia Albu (1991,Suceava,Romania) è un’interrogazione sulla visione, potremmo dire parafrasando Emilio Garroni è un 'guardare dentro un filtro dall’interno del filtro'. Sia che si tratti di un lavoro pittorico che di un intervento ambientale e performativo sembra che la domanda posta sia relativa a circoscrivere un luogo dove qualcosa accade"(Teresa Laria)                    Selected exibitions:
2019 | APERTURES, curated by Stephanie Nebbia, Fondamenta Gallery, Roma                                                              2019 | XXX, double solo show with Cecilia Mentasti, Lapsus, Timisoara, Romania                                                          2019 | CI SIAMO ARRIVATI DOPO, curated by Ilaria Mariotti, Fucina 11, Milano                                                          2019 | PASSION FOR THE PATH OF ART, special project Artissima, curated by Ilaria Bonacossa, Cardi Gallery, Milano                      2019 | MACRO ASILO residency atelier # 1, open-studio and talk, Macro-museum of contemporary art in Rome                            2018 | MANIFESTA12 COLLATERAL EVENT - THE HIDDEN CITY, Workshop curated by Cloe Piccoli and Stefano Graziani,Palazzo Abatellis,Palermo 



Senza Titolo

olio su tela - cm 100x150 - 2017



Senza Titolo

Olio su tela - cm 100x150 - 2017

Senza Titolo

olio su tela - cm 108x177 - 2017

Cecilia Del Gatto

E’ nata a Fermo nel 1995. Ha conseguito la laurea in Graphic Design presso l’Accademia di Belle Arti di Macerata. Attualmente frequenta il Biennio di Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.                                                                Le scene delle immagini di Cecilia Del Gatto sono una riflessione sul tema dell’identità in un tempo complesso come quello che viviamo. I modelli vengono imprigionati dall’ involucro di filo che avvolge il loro volto annullandone i tratti somatici e anestetizzandone i sensi; vista, parola e udito scompaiono progressivamente sotto lo stratificarsi dell’ordito. Soggetti che pur nella prossimità non sono in grado di comunicare.
Selected exibitions:                                                                                                                  2019 | The Others Art Fair, a cura di Luca Panaro, Ex Ospedale Militare Alessandro Riberi, Torino.
2019 | One Amazing Form, a cura di Marco Signorini, Galleria Valeria Lattanzi, Carrara.
2019 |  Mostra finalisti Premio Combat, a cura di Andrea Bruciati, Daniele De Luigi, Francesca Baboni, Lorenzo Balbi, Matteo Bergamini, Paola Tognon e Stefano Taddei, SAC Spazio Arte Contemporanea, Livorno
2019 | Vino. Oltre gli oggetti, a cura di Luca Panaro, Bottega Immagine-Milano                                                      2018 | Dei nuovi confini della fotografia, a cura di Massimiliano Monnecchi, Photo Festival 2018, Fabbrica del Vapore, Milano.

Bugie Bianche#1

stampa inkjet carta cotone hahnemule su Alluminio 1 mm Cornice in ramino sbiancata, 90x4x60 cm - 1\5+2pa

Bugie Bianche#2

stampa inkjet carta cotone hahnemule su Alluminio 1 mm Cornice in ramino sbiancata, 90x4x60 cm - 1\5+2pa

Bugie Bianche#3

stampa inkjet carta cotone hahnemule su Alluminio 1 mm Cornice in ramino sbiancata, 90x4x60 cm - 1\5+2pa

Francesco Maria Sabatini

la ricerca spazia dal 2D al 3D,dall'utile al futile, dallo spazio al piano. Dall' assunto 'la realtà supera di gran lungo la fantasia', l'artista non si pone piu il problema di rappresentare la realtà od una sua parte, ma creare un immaginario del possibile. Il suo lavoro già realizzato è un indagine sul significato della pittura nella contemporaneità ed la suo valore legato all'evoluzione costante e massiccia della tecnologia.                                                                                                    Selected exibitions:                                                                                                                  2019 | Nicola e Francesco | Atelier Alifuoco | Napoli
2018 | 5Ws-when | Palazzo Pignatelli | Napoli                                                                                          2018 | Quartetto | Atelier Alifuoco | Napoli                                                                                          2017 | Il luogo la vita la morte | Atelier Alifuoco | Napoli

Miseno-Miliscola 

olio su tela|cm 100x150|2017


Lo sposalizio

olio su tela|cm 100x150|2019


Pianta Gialla

olio su tela|cm 160x120|2019

Valerio Polici

Nato a Roma nel 1984, Valerio Polici inizia un percorso nella fotografia da autodidatta per poi seguire corsi di specializzazione tra Roma, Padova, Parigi, Riga. Nel 2015 viene selezionato per il Laboratorio Irregolare di Antonio Biasiucci a Napoli. Si avvicina in un primo momento al foto giornalismo pubblicando sulle maggiori testate nazionali ed estere (Washington Post, Newsweek, British Journal Of Photography, L’Espresso), per poi esplorare una dimensione più intima, in cui la fotografia diventa uno strumento essenziale di esplorazione interiore. Il suo primo libro, Ergo Sum, viene presentato al Paris Photo nel 2016 realizzato in collaborazione con l’artista polacco Rafal Milach e la designer Ania Nalecka edito da Dienacht. Le sue foto hanno vinto premi (Gomma Grant 2019, Premio Speciale Inside Art 2019, Gran Premio Hasselblad 2018, Premio max Spreafico 2019 tra i vari) e sono state esposte a: La Biennale di Architettura, MACRO, MADRE, Villa Pignatelli, Ex-Mattatoio, La Galleria del Cembalo, S.S.M.A.V.E. Museo Arcos, FIAF, Biennale De La Photographie D'Aubagne, vari festival tra Italia, Turchia, Germania e Portogallo                                                      Selected exibitions:2019 | Villa Pignatelli (Casa della fotografia), Napoli 
2019 | Macro Testaccio, Roma 
2019 | Palazzo Borghese, Roma 
2018 | Biennale de la Photohraphiè, Aubagne 
2018 | Centro Italiano per la Fotografia d’Autore, Bibbiena
2017 | Chiesa di Santa Maria ai Vergini, Napoli  


Tivoli 

stampa, carta Hannemule Photo Rag Barita 315 gr.|36x24 cm;90x60 cm)|n.8|2016

Montefiascone

stampa, carta Hannemule Photo Rag Barita 315 gr.|36x24 cm;90x60 cm)|n.8|2015

Roma

stampa, carta Hannemule Photo Rag Barita 315 gr.|36x24 cm;90x60 cm)|n.8|2015

Lucia Schettino

La ricerca di Lucia Schettino (Napoli 1988) si collega senza dubbio alla tradizione dell’informale. Non sembra per il momento interessata al dibattuto tema figurazione/astrazione, non appare condizionata dalla riconoscibilità dei segni messi in scena, che non evitano, quando occorre, di riferirsi alla figura umana o alla natura e al paesaggio o a qualunque oggetto lei voglia impiegare per la formazione dell’opera, creandolo ex novo oppure traendolo, come frammento di immagini o testi stampati, da libri, giornali fotografie o da proprie incisioni e precedenti lavori.                                                                                              Selected exibitions:                                                                                                                  2019 | "don't bite me" a cura di Tina Jam, Made in Cloister, Napoli                                                                    2019 | “ Sign, Drawing, gesture” [edit by Antonella Nigro] Centro Polivalente, Marigliano (NA)                                     
2018 | “Leonardiana, the thought of painting, Iconogrphy” [edit by Franco Cipriano] (SA)                                            2017 | “Nobody in show” [edit by Marco De Gemmis and Sabato Angiero] Saacy/Gallery, Saviano (NA)                                      2017 | “MATRONEI” [edit by Sueli Viana De Micco and Vincenzo Mazzarella] Reggia di Caserta, (CE)  









Paesaggi di stato

paesaggi di stato dramma-in-due-parti-tecnica mista su tela - cm 150x120-


Paesaggi di stato

paesaggi-di-stato_expello - tecnica mista su tela - cm 120x150

Paesaggi di stato

paesaggi-di-stato_senza-titolo - tecnica mista su tela - cm 150x120